Menti Flessibili

   

Il Progetto “Menti Flessibili” è nato in seguito alla ripercussione che il libro “Il Piccolo Medico” ha avuto tra i medici di varie specialità come la psichiatria, l’oncologia, la pediatria, l’ostetricia, e anche tra dirigenti, impresari, liberi professionisti e artisti.

“Menti Flessibili” ha come obiettivo quello di condividere l’idea secondo cui possiamo capire la nostra vita personale e professionale sotto diverse prospettive e abbiamo sempre l’opportunità di vivere in un modo in cui la dimensione umana sia più presente.

È la scoperta di un modo nuovo di fare le stesse cose che ci rende esseri più umani.

La Storia ci insegna che un pensiero diverso genera resistenze e causa sconforto tra coloro che non condividono ancora questo nuovo modo di pensare e agire. Ma bisogna capire che lo sviluppo umano è irreversibile e ci spinge in un mondo con più contatto tra le culture, con maggiore compromesso tra gli esseri umani e più trasparenza nelle relazioni politiche, economiche, sociali, professionali e personali. Questa è la tendenza del nostro mondo che obbliga i professionisti di ogni campo a rivedere i propri modelli di comportamento e ad aprirsi a nuove discussioni.

La tecnologia – ovunque presente – ha avvicinato il “profano” allo scienziato, ha rotto le frontiere della conoscenza umana lasciando questi confini più sfumati. Il sapere inaccessibile e le spiegazioni irrefutabili sono sempre più rari e trovano così meno spazio.

Un esempio di questo cambiamento è il rapporto tra medici e pazienti. Dove prima il medico si muoveva in uno spazio privilegiato – semplicemente per il fatto di essere medico – oggi non è più così. I professionisti della medicina si aprono alle domande dei propri pazienti – che si tratti di bambini, giovani o adulti – perché siamo connessi in tempo reale all’informazione. La sintonia tra medici e pazienti è il fattore che determina il successo della terapia, qualunque essa sia.

“Menti Flessibili” mostra che nonostante i passi della scienza, tutti noi siamo fatti degli stessi elementi chimici, psicologici ed emozionali, abbiamo le stesse ansie e desideri e per questo tutti meritiamo un rapporto profondo e vero nel tempo in cui rimaniamo insieme qui, nella Terra.